Gioconda Pietra

Gioconda Pietra, l’amica generosa ed esigente che tutti conosciamo come “Gio'”, la compagna di lotte e impegno politico dalle inesauribili energie, l’insegnante che tanti allievi ricordano con ammirazione e amore, ci ha lasciato il 25 aprile 2018.

Prima e insostituibile Presidente della Fabbrica, con questa pagina si era presentata al momento della fondazione della Fabbrica stessa e in vista delle competizioni elettorali.

Questa pagina resterà sempre sul nostro sito perché sempre Giò resta nei nostri cuori.

Ci sia permesso rimandare qui a due momenti nei quali siamo stati con lei

 


Classe1952, insegnante di Scienze Motorie in pensione e animatrice teatrale. Molti/molte mi conoscono come “GIO”.
Dai primi anni ’60 vivo a Sesto San Giovanni.
Ho frequentato l’istituto magistrale di Monza e l’I.S.E.F. Statale a Milano (oggi facoltà di Scienze Motorie).
Mi ha sempre interessato partecipare alla vita politica della comunità di cui ho fatto parte. Devo la mia formazione e la mia pratica politica all’incontro con il pensiero della differenza della Libreria delle Donne di Milano. Ho fiducia nelle donne e negli uomini che si pongono nell’interpretazione del mondo a partire dalla loro parzialità e differenza. Mi piace l’incontro tra diverse identità e la possibilità che da questo incontro nascano nuovi spazi di relazione.
Sono convinta che Potere e politica non siano la stessa cosa , intendendo il potere, spesso travestito con le parole della politica, come ricerca di bene per un singolo o un gruppo e la politica come ricerca del bene comune.
Ho sempre pensato di essere stata una persona fortunata avendo avuto la possibilità di fare il più bel mestiere del mondo: l’insegnante. Ritengo la scuola Pubblica un “bene comune” e mi sono impegnata per migliorarla e difenderla insieme alle mamme e ai papà. Ho avuto il privilegio di un confronto continuo con i genitori nel Coordinamento Genitori-Docenti della nostra Città.
Da più di 20 anni organizzo Sesto Gioca, mattinate ludico-sportive per le scuole elementari di Sesto San Giovanni. Con l’ associazione LE MALANDRE ho creato e gestisco, su base volontaria, Spazio Ginko – spazio di aggregazione per preadolescenti e adolescenti – e seguo in particolar modo il laboratorio di Teatro e il gruppo percussioni con i migranti ospiti di Sesto:Tabla Ginko.
Sono stata eletta consigliera comunale nel 2012 come indipendente nella lista del P.D. , sono Presidente della Terza Commissione Consiliare e referente rete RE.A.DY. Nel giugno del 2013 ho preparato e presentato la delibera consiliare sul regolamento e istituzione del Registro per le Unioni Civili passata a maggioranza. Le mie conoscenze, il mio interesse e le mie relazioni mi hanno portato a lavorare e a interagire particolarmente con l’assessorato alla Cultura, Pari Opportunità e Associazionismo su temi a me cari: l’inclusione di tutte e tutti con particolare attenzione alla fragilità, l’attuazione concreta dei diritti costituzionali, la sperimentazione di una cultura diffusa, la sinergia tra le associazioni e l’Ente locale per il bene comune.
Nel mio lavoro di consigliera ho potuto sperimentare che è possibile mettere in atto pratiche di relazione e scambio tra cittadini e cittadine, associazioni e mondo del volontariato. Ritengo di essere riuscita a rimanere fedele a me stessa e al mio sentire, raggiungendo buoni risultati, soprattutto quando ho lavorato su progetti, delibere, eventi con le tre donne con cui ho iniziato questa esperienza de La fabbrica della Città.
L’esperienza mi ha insegnato che si può fare molto se si ha fiducia nelle possibilità che nascono dal mettersi insieme, dall’ascolto e dallo scambio in relazione con le diverse persone della comunità.